Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

A CHI SERVE UNA GUERRA 14/02/2016

La Deutsche Bank ha pubblicato il bilancio 2013 nel quale risultano annotati 54,7 trilioni di euro in titoli tossici.

Per quanto i dati finanziari non possano essere posti a confronto con i dati economici, trattandosi di scale di valori non comparabili, eppure qualcuno lo ha fatto: il dato finanziario (54,7 trilioni di derivati) è stato posto a confronto con i dati economici, ed è risultato che l’esposizione della Banca è pari 20 volte il Pil della Germania e 5,7 il Pil dell’Europa.

Se pure la Deutsche Bank dovesse seguire le sorti della Lehman, la banca d’affari americana protagonista di uno dei più colossali fallimenti planetari, la perdita sarebbe catastrofica.

Il salvataggio è inimmaginabile ed è impossibile contare i trilioni di euro di danno a carico dei cittadini europei.

Il tentativo egemone della Germania sull’Europa è naufragato con la prima guerra mondiale, è naufragato con la seconda guerra mondiale, ma la Germani è guerrafondaia e cercherà di porre rimedio al suo disastro finanziario con un'altra guerra.

Di certo nel conflitto siriano la Germania starà dalla parte della Turchia e dell’Arabia Saudita, non certo della Russia o della Siria, del tutto indifferente al bombardamento di queste ore contro i miliziani curdi per ordine di Erdogan.

Non trascurabili sono i rapporti tra la Germania e il Qatar.

Nel maggio del 2014 il Qatar ha partecipato alla ricapitalizzazione della Deutsche Bank con circa 8 miliardi di euro, pari al 6% del capitale azionario.

Se (o quando) l’Arabia Saudita e la Turchia metteranno in atto l’invasione della Siria, il Qatar vorrà partecipare all’invasione.

Quegli 8 miliardi di euro nelle finanze tedesche sono la posta per sedersi al tavolo da gioco con la legittimazione tedesca.

In tutto questo scenario la voce dell’Italia vale il due di coppe a briscola, mentre Renzi, in malcelato complesso di inferiorità, vantava fraterna confidenza, qualche settimana fa, con la Merkel chiamandola Ang(h)ela.

Che pena.

ritorna alle news
Altre News
IV ASSEMBLEA NAZIONALE - III CONGRESSO NAZIONALE
24 giugno 2017 
Leggi tutto
LA REPUBBLICA PONTIFICIA
Lo strapotere vaticano
Leggi tutto
LA FIGURACCIA DI FRANCESCHINI
Il TAR boccia il Ministro
Leggi tutto