Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Analfabetismo e istruzione cattolica 31/08/2012

 Il 71 per cento della popolazione italiana si trova al di sotto del livello minimo di comprensione nella lettura di un testo di media difficoltà. 

A questo dato si contrappone un esiguo 20 per cento che possiede le competenze minime «per orientarsi e risolvere, attraverso l'uso appropriato della lingua italiana, situazioni complesse e problemi della vita sociale quotidiana». 

Basterebbero queste due percentuali per far scattare l'emergenza sociale. 

Perché di vera emergenza sociale si tratta, visto che il dominio della propria lingua è un presupposto indispensabile per lo sviluppo culturale ed economico dell'individuo e della collettività.  

All'indomani dell'Unità d'Italia, il tasso di analfabetismo era, all'incirca, dell'80% e fino ad allora l'istruzione era stato esclusivo monopolio del clero.

Con l'Unità d'Italia l'istruzione divenne finalità pubblica e dopo circa 100 anni le percentuali di analfabetismo si invertirono fino a ridursi a circa il 20% della popolazione.

Il ritorno dell'istruzione nelle mani del clero cattolico ha contribuito ad invertire la tendenza riportando la popolazione italiana ad una preoccupante regressione culturale.

ritorna alle news
Altre News
...QUEL FATTACCIO DELLA PEDOFILIA
CARLA CORSETTI A VENEZIA 22 APRILE ALBERGO AMADEUS ORE 17.30
Leggi tutto
LA MESSA IN TRIBUNALE
Mentre il Consiglio di Stato consente le messe a scuola, i Presidenti dei...
Leggi tutto