Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

BOSCHI PROTETTI 11/12/2015

Il conflitto di interessi che ha travolto il Ministro Boschi in relazione alla Banca dell’Etruria è la cartina tornasole della sfrontatezza che contraddistingue lei e tutta la pletora governativa.

Si è aperta davanti a tutti una gigantesca falla nell’immagine che la Boschi ha cercato di dare finora di se stessa, ovvero il volto della capacità e della determinazione, a prescindere se sia davvero capace o determinata.

Il contegno del Ministro Boschi è  irreversibilmente offuscato dall’evidenza di un conflitto di interessi da mesi segnalato da più parti e spavaldamente minimizzato da lei e dal Governo.

Legiferare in favore di una banca quando la propria famiglia ne è azionista ed è ai vertici dirigenziali, significa abdicare alle regole democratiche, significa farsi beffa del dovere di imparzialità, e a nulla può valere che non abbia legiferato nel senso di creare favoritismi.

Il conflitto di interessi si perfeziona comunque, indipendentemente dal fatto  se il padre della Boschi sia o meno una persona “perbene”, come la stessa ha dichiarato con malcelato imbarazzo.  

Di certo la definizione “perbene” attinge ad un linguaggio reazionario e conservatore, anche se gli aspetti linguistici, in questo frangente, non sono al centro della querelle.

Luigi Berlusconi era legato alla Banca Carlo Rasini mentre Pierluigi Boschi è legato alla Banca dell’Etruria.

Essere figli di banchieri in Italia e arrivare a Palazzo Chigi non è esattamente una pura coincidenza.

E non è nemmeno una coincidenza che Berlusconi incarnava la destra neoliberista e la Boschi ne abbia raccolto l’eredità in perfetta continuità.

Il baratro istituzionale nel quale la Boschi e il Governo hanno fatto sprofondare il Paese con le loro vigliacche riforme, la barbara compressione dei diritti costituzionali compreso quello allo studio, hanno talmente debilitato la dignità delle persone che se ora la Boschi si dimettesse,  gli italiani nemmeno se ne accorgerebbero.

Che si dimetta o resti, a questo punto, non fa differenza.

 

ritorna alle news
Altre News
IV ASSEMBLEA NAZIONALE - III CONGRESSO NAZIONALE
24 giugno 2017 
Leggi tutto
LA REPUBBLICA PONTIFICIA
Lo strapotere vaticano
Leggi tutto
LA FIGURACCIA DI FRANCESCHINI
Il TAR boccia il Ministro
Leggi tutto