Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

DEMOCRAZIA ATEA C'E' 31/01/2013

 Democrazia Atea ha presentato il suo contrassegno presso il Ministero dell'Interno e ora aspettiamo fiduciosi che la comunicazione dell'accettazione ci venga notificata nei prossimi giorni.

Dopo una minuziosa preparazione, abbiamo trascorso lunghe ore in fila davanti al Viminale per presentare il nostro simbolo e le dichiarazioni allegate autenticate dal notaio.

Non possiamo esimerci, tuttavia, da una analisi di quanto accaduto in queste ore.

Candidarsi alle rappresentanze istituzionali più importanti, ovvero quelle parlamentari, comporta inevitabilmente l'adempimento di formalità complesse.

Ciò che non è più concepibile, però, è l'assoluta mancanza di riferimenti tecnologici visto che si mantiene inalterata una procedura del 1957 a distanza di ben 56 anni.

La firma digitale, la posta elettronica certificata, la digitalizzazione dei documenti, il voto elettronico, ma persino il fax, costituiscono evoluzioni tecnologiche estranee alle leggi elettorali italiane.

Non c'è stato Governo che abbia inteso occuparsi della materia elettorale facendo i propri conti solamente sulla attribuzione di seggi e preferenze, o su collegi e circoscrizioni.

Nessun Governo si è mai dedicato alle formalità di accesso alla competizione elettorale, dimostrando l'inequivocabile volontà di mantenere in essere una modalità che non si limita ad essere anacronistica, ma che si ostina a sprofondare nella illogicità.

E' paradossale che formazioni politiche che hanno già veicolato il proprio simbolo debbano misurarsi in ricorsi e contestazioni perchè qualche giovinastro, pagato o motivato a disturbare, staziona davanti al Viminale tre giorni prima che si presenti il destinatario dell'azione di disturbo.

Non c'è motivo di mantenere documenti cartacei quando si possono sostituire con un invio telematico.

Non utilizzare la tecnologia disponibile è un paradosso che non trova giustificazione alcuna.

La modernizzazione del Paese passa anche da qui ma evidentemente il "Bel Paese", tra i più conservatori del mondo occidentale, teme la modernizzazione per non rischiare che trascini con sè anche l'emancipazione.

I demoatei hanno affrontato con passione anche questa prova, sopportando il disagio di una notte al freddo.

A loro va tutto il ringraziamento della Segreteria.

Oggi abbiamo aggiunto un altro importante tassello alla storia del nostro Partito.

Democrazia Atea, con responsabilità, guarda al futuro.

Carla Corsetti

ritorna alle news
Altre News
...QUEL FATTACCIO DELLA PEDOFILIA
CARLA CORSETTI A VENEZIA 22 APRILE ALBERGO AMADEUS ORE 17.30
Leggi tutto
LA MESSA IN TRIBUNALE
Mentre il Consiglio di Stato consente le messe a scuola, i Presidenti dei...
Leggi tutto