Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Il Vaticano sapeva delle suore violentate dai preti 31/03/2011

 

Drammatiche rivelazioni: religiose messe incinta da sacerdoti venivano costrette ad abortire.

Da Roma, nulla.

Tutto il marcio nascosto fra le pieghe della Chiesa Cattolica sta venendo fuori ogni giorno di più: dopo la tragedia dei preti pedofili, altri casi di violenza sessuale all’interno dei sacri palazzi scuotono l’opinione pubblica.

Soprattutto perchè il Vaticano sta venendo costretto ad ammettere che sapeva tutto, e non ha fatto nulla.

VIOLENZE ALLE SUORE – La vicenda è drammatica, ed arriva dall’America. Il National Catholic Reporter sarebbe venuto in possesso di documenti che proverebbero come alcuni sacerdoti avrebbero violentato e, in alcuni casi, messo incinta delle suore che sarebbero poi state costrette ad abortire (documenti però non reperibili online, ma rilanciati da blog molto attendibili sulle notizie dal Vaticano).

La Chiesa Cattolica Romana ieri ha ammesso di essere stata a conoscenza degli incidenti   in almeno 23 paesi riguardanti abusi sessuali e violenze di suore da parte di preti. 

Secondo il Vaticano, la maggior parte degli abusi sessuali e delle violenze è stato perpetrato in paesi africani, in cui  preti  avrebbero abbandonato i servizi delle prostitute per paura di contrarre l’Aids e avrebbero iniziato a violentare le suore.

Documenti confidenziali sono filtrati la settimana scorsa al National Catholic Reporter, e non sono stati smentiti dalle autorità della Chiesa.

Come dicevamo, si tratterebbe di autentiche violenze a danno di religiose, perpetrate da chi avrebbe dovuto condividere la propria scelta di vita.

E come ripiego rispetto al sesso a pagamento, per di più. 

ABORTI – In casi estremi, arrivando fino a dover praticare aborti di urgenza.

Il che, per chi fa capo alla Chiesa che chiede al mondo di proibire la pratica, è invero abbastanza curioso.

Molti dei cinque rapporti sono stati in circolazione per più di sei anni, mentre altri sono relativamente più recenti, ma in ogni caso i preti avrebbero chiesto sesso in cambio di favori.

In casi estremi, le suore sarebbero state messe incinta e costrette ad avere aborti.

Si tratterebbe di rivelazioni davvero in grado di mettere in imbarazzo il Vaticano, che sapeva ma non ha fatto niente.

I casi sono dei più disparati e curiosi, e davvero non gettano una buona luce sulla gerarchia cattolica: inoltre, mettono in seria difficoltà gli sforzi di Papa Ratzinger per recuperare il dialogo col mondo dopo lo scandalo dei preti pedofili su scala globale.

Ora, avrà un altro fronte da tappare.

TUTTO BENE – Le autorità vaticane interrogate in merito, nicchiano.

Le autorità della Chiesa, apparentemente, avrebbero fatto ben poco per affrontare il problema, anche se i documenti citano innumerevoli casi di violenza ed abuso sessuale da parte di membri del clero.

In un caso, una suora incinta sarebbe morta per colpa di un aborto; in altri 29 le suore in una congregazione sarebbero tutte rimaste incinte per mano di preti della stessa chiesa.

Obbligati a riconoscere la portata del problema, dal Vaticano cercano di tenere bassa l’attenzione.

Un portavoce, ieri, ha attribuito il problema “ad un area geografica ristretta” e ha ricordato ai reporter del buon lavoro effettuato dalla stragrande maggioranza delle suore e dei preti.Insomma, sarebbero le solite mele marce a rovinare il lavoro di tutti i bravi operatori della Chiesa: il che, seppure vero, non rimuove il problema.

Da Roma sapevano e non hanno agito, pur potendo.

Perchè?

 

Salvatore Veneruso

ritorna alle news
Altre News
IV ASSEMBLEA NAZIONALE - III CONGRESSO NAZIONALE
24 giugno 2017 
Leggi tutto
LA REPUBBLICA PONTIFICIA
Lo strapotere vaticano
Leggi tutto
LA FIGURACCIA DI FRANCESCHINI
Il TAR boccia il Ministro
Leggi tutto