Campagna Tesseramento 2018
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

LA SCOPERTA DELL'ACQUA CALDA 30/11/2013

 L’anima nera della santa sede, la mafia, quella dei borsoni carichi di lingotti d’oro scaricati nei cortili vaticani, è in agitazione.

Papa Bergoglio sta smontando i centri di potere economico del vaticano, scrive il Fatto Quotidiano.

 “Chi si è nutrito di tutto ciò non dorme sonni tranquilli. Se i boss potessero fargli uno sgambetto, non esiterebbero” ha dichiarato il procuratore aggiunto di Reggio Calabria, Nicola Gratteri.

La commistione tra santa sede e criminalità la si può tranquillamente definire “la scoperta dell’acqua calda”, per cui nulla di strano.

Nulla di strano pertanto, se qualche giorno fa la DIA di Roma ha sequestrato il Gran Hotel Gianicolo (48 stanze con vista stupenda e piscina), perché i proprietari sono collusi con la ‘ndrangheta’.

Nulla di strano se l’Hotel - un ex convento - fu venduto alla famiglia Mattiani, addirittura sottoprezzo nell’anno del Giubileo, quando il valore del mattone era alle stelle, dalla congregazione ‘Dama Apostolica del Sacro Cuore’

Nulla di strano se il commercialista che gestiva il patrimonio della congregazione non fu nemmeno informato della vendita.

Nulla di strano se sul rogito appare solo la firma di una suora che avrebbe trattato con gli avvocati dell’acquirente tramite intermediari che il notaio omise di registrare.

Quello che appare strano, è che ancora oggi ci sia qualcuno che si meraviglia della fantasia imprenditoriale dello Stato Vaticano

Ci sono diverse maniere per movimentare denaro ‘sporco’ e lo IOR le conosce tutte.

 

Ciro Verrati

ritorna alle news
Altre News
L'ITALIA SBRICIOLATA
Il disastro di Genova
Leggi tutto
DIRITTO ALLA CONOSCENZA
Tutti gli uomini per natura desiderano sapere
Leggi tutto
LURIDE ZAMPE
Non abbiamo dimenticato le responsabilità della Chiesa cattolica...
Leggi tutto