Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

NO ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE 01/02/2016

NO ALLA CONTRORIFORMA COSTITUZIONALE

Democrazia Atea conferma il proprio obiettivo di difesa della Costituzione rispetto alla controriforma renziana, impegnandosi nei prossimi mesi a declinare in ogni contesto possibile, le ragioni del NO al referendum oppositivo.

Ritiene, tuttavia, prioritario, che siano risolte alcune evidenti criticità che attengono soprattutto alla comunicazione del messaggio referendario.

Alcune premesse sono indispensabili.

La Costituzione nei suoi aspetti teoretici e nelle sue indicazioni programmatiche, è purtroppo estranea ad una fascia d’età compresa tra i 18 e i 30 anni.

Il 47% degli italiani vive una preoccupante condizione di analfabetismo funzionale, in difficoltà nel compilare una modulistica o nella comprensione di un testo in prosa.

La “casalinga di Voghera” sa perfettamente che voterà SÌ perché il messaggio renziano le sarà stato veicolato, in modo più o meno subliminale, dalla trasmissione di intrattenimento di cucina, oppure perché un attore famoso, che aveva letto in TV la Costituzione, si è schierato per il SÌ in ossequio alle posizioni governative, rendendole credibili.

Il messaggio referendario dunque dovrà essere veicolato, decodificandolo dal linguaggio tecnico e giuridico, ancorandolo a ciò che potrà essere comprensibile per coloro che, nella indecisione, sono già astensionisti.

Bisognerà dire che opporsi alla modifica costituzionale significherà dire NO ad una sanità per i ricchi e una sanità per i poveri; significherà dire NO ad una scuola differenziata per fasce socialmente elevate e fasce disagiate; significherà dire NO ad un precariato mortificante per tutti, significherà dire NO alla guerra.

Le attuali storture della società, pur con la Costituzione non ancora modificata, in effetti sono la conseguenza di una classe politica che ha deflagrato la rappresentanza con il porcellum, e tuttavia la modifica costituzionale renziana renderà permanente, per i prossimi decenni, ciò che la legge elettorale ha già anticipato, ovvero un modello di società nel quale l’ascensore sociale è bloccato e la povertà economica di molti è diventata la diretta conseguenza della ricchezza di pochi.

Con il referendum possiamo riprenderci la nostra democrazia partecipativa, rispedire al mittente le intromissioni antidemocratiche del mondo finanziario di cui il progetto renziano è spudorata espressione, e dimostrare a noi stessi che non siamo bocche all’amo.

La Segreteria Nazionale di Democrazia Atea

Carla Corsetti

Segretario Nazionale

http://coordinamentodemocraziacostituzionale.net/2016/02/01/materiali-ed-esito-dellassemblea-del-cdc/

ritorna alle news
Altre News
IV ASSEMBLEA NAZIONALE - III CONGRESSO NAZIONALE
24 giugno 2017 
Leggi tutto
QUALCUNO GLIELO DICA
Le dichiarazioni della Serracchiani
Leggi tutto
FACCIAMO LUCE
Carla Corsetti, Segretario nazionale di Democrazia Atea, in conferenza stampa...
Leggi tutto