Campagna Tesseramento 2018
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

PRIMO MAGGIO 30/06/2014

Non ci facciamo vincere dall’ingenuità.

Un ribellismo italico lo abbiamo archiviato due secoli fa con Bakunin.

La storia attiva procede sempre tra sconfitte e condizionamenti.

All’interno della attuale cornice conservatrice e neoliberista deve ora attivarsi un approccio ideologico di soluzione innovativa, di riaffermazione di tutele irrinunciabili, di diritti da troppo tempo negati.

Pretendere una politica industriale è la sua premessa.

Taranto è il simbolo di una degenerazione politico-affaristica che ha toccato la punta massima del degrado.

Ripartire da Taranto e da una pianificazione industriale rispettosa del diritto alla salute è il banco di prova sul quale dovranno misurarsi tutte le forze sane del Paese, non solo politiche e sindacali, ma in generale culturali e sociali.

Senza retorica, ma consapevoli che sensibilizzarsi su un obiettivo significa renderlo forte e praticabile.

Oggi stiamo a Taranto, a Piombino, nelle miniere in Sardegna, nella terra dei Fuochi.

Oggi siamo anche a Portella delle Ginestre e a piazza Taksim a Istanbul, ovunque la lotta si è manifestata e si manifesti contro la sopraffazione.

Un pensiero va anche a chi, vinto dall’età dopo aver sempre lottato, sapendo che altri non si stanno rassegnando, non debba pensare che le sue lotte siano state inutili.

 Buon Primo Maggio.

 

Carla Corsetti

ritorna alle news
Altre News
L'ITALIA SBRICIOLATA
Il disastro di Genova
Leggi tutto
DIRITTO ALLA CONOSCENZA
Tutti gli uomini per natura desiderano sapere
Leggi tutto
LURIDE ZAMPE
Non abbiamo dimenticato le responsabilità della Chiesa cattolica...
Leggi tutto