Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Trasformati e riciclati 31/10/2012

 E’ da un po’ di tempo che la domanda più attuale che la storia ci pone è : di che morte morirà questo nostro Paese?

Perché , che sia in una profonda agonia è indiscutibile , che questo coma possa essere in qualche modo reversibile è altrettanto discutibile. 

Quelli che , senza averne le competenze, scrivono la storia ci raccontano che dietro l’angolo c’è un nuovo miracolo italiano. 

Nel 2013 vedrete che, a scanso di ulteriori equivoci, il moribondo darà segni di vita. 

Quindi pagate con gioia il prezzo dei sacrifici che vi chiedono, perché sembra che questo sia l’unico modo per salvare il paziente. 

Il guaio è che ognuno di quelli che , penna alla mano, sono pronti a scrivere la storia di questo maltrattato paese hanno una ricetta con una terapia diversa l’una dall’altra. 

Guaritori cialtroni che sventolano bandiere di ogni colore , comodamente seduti in tutte le salse salottiere della politica nostrana, fanno finta di litigare, si azzuffano in pubblico e amoreggiano in privato, per decidere come spartirsi quel poco di torta che è rimasta, che potrà garantire loro la prossima estate le vacanze in Costa Smeralda e il Natale a Cortina.

E allora siamo costretti a rivedere, in piedi , per mancanza di posti a sedere, il solito film che ogni cinque anni ci propinano sugli schermi della nostra vita. 

Ognuno corre verso Montecitorio o Palazzo Madama per accaparrarsi un comodo scranno che gli consenta un quinquennio di vita comoda e un sostanzioso vitalizio che gli garantisca di finire i suoi giorni in casa propria e non in un ospizio per anziani o nel peggiore dei casi in una sala d’aspetto di una stazione ferroviaria.

Ed ecco come d’incanto comparire sul palcoscenico tutti gli attori del film precedente, gli Schettino di turno , ripuliti , rivestiti e trasformati in santoni e guaritori che giurano che riporteranno in vita quel cadavere che già dava segni di putrescenza.

I peggiori però non sono quelli che si sono dati una ripulita ed hanno indossato un abito nuovo , ma sono quelli che si sono sottoposti ad un lifting e si sono trasformati in persone per bene da cialtroni che erano.

Ho detto cialtroni , termine che nasconde ben altro : corruzione , ladrocinio , brigantaggio e disonestà. Le aule dei nostri tribunali sono affollate, le Procure della Repubblica hanno lavoro per i prossimi cento anni, ma che importa, gli Italiani dimenticano, una piccola camuffata e l’imbroglio è bello e fatto.

Ex comunisti travestiti all’occorrenza da cattolici, cattolici conservatori con la maschera di progressisti, ex rappresentanti della peggiore partitocrazia trasformati in movimentisti, malandrini santificati dal Cardinale di turno e il gioco è fatto, la Terza Repubblica è bella e servita : una carnevalata che cambia tutto per lasciare tutto come prima.

Poi ci diranno : “abbiamo trovato un macello combinato da quelli che c’erano prima, ora ci sarà bisogno di sacrifici e vedrete che col tempo metteremo tutto a posto, ma non chiedeteci miracoli “ .

 E gli Italiani, da brava gente quali sono, ci crederanno e continueranno a farsi la guerra fra poveri sventolando gli uni una bandiera rossa, gli altri un drappo bianco e i più puri la foto del nuovo “Garibaldi” arrivato per mettere tutti d’accordo, ma chissà poi con chi si metterà d’accordo.

Ma non preoccupiamoci più di tanto alla fin fine ci sarà sempre il buon dio e le sue truppe che, nel bene o nel male, qualcosa faranno per questo Paese, magari continueranno a mangiare anche loro sulle nostre spalle, ma loro sono più coerenti e credibili, lo fanno già da migliaia di anni e non hanno mai promesso di smettere.     

 

Salvatore Veneruso

ritorna alle news
Altre News
IV ASSEMBLEA NAZIONALE - III CONGRESSO NAZIONALE
24 giugno 2017 
Leggi tutto
LA REPUBBLICA PONTIFICIA
Lo strapotere vaticano
Leggi tutto
LA FIGURACCIA DI FRANCESCHINI
Il TAR boccia il Ministro
Leggi tutto