Campagna Tesseramento 2018
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

UN ATTO CRIMINALE 31/05/2014

La notizia della donna costretta ad abortire senza conforto sanitario, aiutata solo dal coniuge, dilaniata dal dolore mentre partoriva un feto morto nel bagno di un ospedale, è la conseguenza della disastrosa politica antiabortista del dittatore Bergoglio e di tutti i dittatori che lo hanno preceduto.

E’ lui il responsabile morale della mancata assistenza sanitaria, è lui insieme a tutti i suoi predecessori, che continua a condizionare la società italiana lasciando credere che un grumo di cellule sia “vita”.

E’ vita come lo è un ovulo ed è vita come lo è uno spermatozoo, niente di più.

E per la cultura pedofila vale più un grumo informe di cellule che un essere adulto e pensante di genere femminile.

Dimenticavo, secondo i padri della chiesa cattolica apostolica romana, la donna è immondizia, parola di sant’Agostino.

Se il disprezzo dei diritti umani, quale è il diritto alla salute, è un crimine contro l’umanità, negare assistenza sanitaria alle donne che decidono di interrompere la gravidanza, è un atto criminale.

Criminale, non c’è altra definizione.

 

Carla Corsetti

ritorna alle news
Altre News
I TRE PORCELLINI E IL LUPO
Favola rivista e corretta
Leggi tutto
MANIFESTO LAICO DI DEMOCRAZIA ATEA
Sul conflitto israelo-palestinese, ancora irrisolto
Leggi tutto