Campagna Tesseramento 2017
Sostienici con il tesseramento o con una donazione

 

Effettua il versamento

Obiettivo n.33
Obiettivo n.33

 Sovente si è sentito dire che i dipendenti pubblici hanno uno stipendio tre volte più alto della media Europea.

Questo è vero ma solo in parte.

Analizzando questa informazione in modo più approfondito si scopre che la realtà è un po' diversa: sono solo i dirigenti pubblici ad avere stipendi spropositati e soprattutto sproporzionati; altre classi di dipendenti pubblici sono bistrattate e mal pagate.

L’Italia è l’unico Paese dell’area dell’OCSE che dal 1995 non ha aumentato la spesa per studente nella scuola primaria e secondaria.

Lo stipendio degli insegnanti è al 17° posto dei 23 paesi OCSE, e gli insegnanti del nostro Paese raggiungono il massimo salariale solo dopo 35 anni di servizio, gli scozzesi per esempio lo raggiungono dopo soli sei anni.

Inoltre il massimo salariale non è molto diverso dallo stipendio di inizio carriera, e non aumenta con l'aumentare del grado di istruzione nel quale si lavora.

Questa situazione è parallela ad un continuo finanziamento, peraltro contro il dettato costituzionale, verso le scuole private cattoliche.

Poliziotti, carabinieri, finanzieri, forestali, in sostanza tutti quegli uomini in divisa chiamati a garantire sicurezza agli italiani, sono dallo Stato ignorati se non addirittura osteggiati.

Oltre ad uno stipendio basso devono fronteggiare blocchi degli straordinari, dei rimborsi delle missioni e carenze di mezzi e personale.

L’ultimo concorso indetto per entrare nel corpo dei vigili del fuoco risale al 2008 e l'età media dell'organico è di 47 anni.

L'insegnamento e la sicurezza non possono essere trascurate così, ai loro lavoratori deve essere data dignità e rispetto, con un trattamento economico adeguato e trovando risorse dove sarebbe davvero necessario effettuare tagli.

Il loro lavoro è un argine contro il declino culturale e morale del Paese, che evidentemente è in atto da anni nella rassegnazione e nell’indifferenza.